Top Gear duo’s bikes under the hummer at bonhams collector’s motorcycle sale

Schermata 2015-04-07 alle 12.37.34
Catalog pdf

 

La prossima Bonhams Spring Stafford Sale vedrà in asta 12 moto appartenute a Richard Hammond e James May, ex presentatori del popolare programma sui motori, Top Gear.

May e Hammond hanno commentato la vendita delle rispettive moto con il loro usuale umorismo “Solo perché ora sono disoccupato non significa che devo sbarazzarmi di tutto”, ha detto May. “Stavo per vendere queste moto comunque… e quei quadri, e la mia collezione Scalextric…”.

Hammond ha aggiunto: “Da vero collezionista, è importante sempre rivedere e aggiornare regolarmente il parco modelli e l’asta Bonhams di Stafford è l’occasione ideale per acquisirne di nuove. Ho anche una canoa e alcuni altoparlanti hi-fi Wharfedale, se qualcuno è interessato….”.

Ben Walker, di Bonhams Motorcycles International , ha detto: “Scherzi a parte, James e Richard stanno offrendo in vendita alcuni grandi pezzi delle loro collezioni, come delle Yamaha, Suzuki, Honda e Norton e ci aspettiamo che l’asta avrà un gran seguito tra i collezionisti ed i semplici appassionati”.

Le moto in asta di proprietà di James May:

Lotto 326: 1974 Yamaha 49cc FS1-E – £ 2,000-2,400

Lotto 327: 1976 Suzuki AP50 E – £ 2,000-2,400

Lotto 328: 1980 Ossa 250cc MAR Trials Motorcycle – € 1.200-1.500

Lotto 329: 1979 Suzuki TS250 – € 800-1.200

Lotto 330: 1973 Honda CD175 – £ 1,400-1,800

Lotto 331: 1975 Honda CB200 – £ 1,500-1,800

Lotto 332: 1971 Kawasaki 250cc A1 Samurai – € 5.000-6.000

Lotto 333: 2010 Yamaha SR400 ‘Grievous Angel’ da Deus Ex Machina – € 8.000-12.000

Le moto in asta di proprietà di Richard Hammond:

Lotto 334: 1977 Honda GL1000 Gold Wing – € 4.000-6.000

Lotto 335: 2010 Norton Commando 961SE – £ 14,500-18,500

Lotto 336: 1970 Triton 500cc ‘Café Racer’ – £ 6,500-8,500

Lotto 337: 1975 Yamaha 49cc FS1-E – £ 2,500-3,500

La Bonhams Spring Stafford Sale si svolge presso l’International Classic Motorcycle Show, Staffordshire County Showground il 26 aprile 2015. 

Per ulteriori informazioni: www.bonhams.com/22720

www.meridianae.com – info@meridianae.com

www.oredelmondo.com – info@oredelmondo.com


Bonhams Spring Stafford Sale will include 12 motorcycles belonging to Richard Hammond and James May, former presenters of the popular motoring programme, Top Gear.

May and Hammond discussed the sale of their respective motorcycles in their usual humorous manner, “Just because I’m unemployed now doesn’t mean I have to get rid of everything,” said May. “I was going to sell these bikes anyway. And those paintings, and my collection of Scalextric cars. Honest”.

Hammond added: “As a serious collector of motorcycles, it’s important to review one’s stable regularly, and the Bonhams Stafford sale is the ideal opportunity to move bikes on and possibly acquire new ones. I also have a canoe, and some Wharfedale hi-fi speakers, if anyone’s interested”.

Ben Walker, Bonhams International Head of Motorcycles, said: “Jokes aside, James and Richard are offering for sale some great motorcycles from their collections, including examples of Yamaha, Suzuki, Honda and Norton – and we expect the collection to attract a lot of attention at the upcoming Spring Stafford Sale. We’re delighted that they both elected to consign their collections with Bonhams Motorcycle Department, an agreement that originated many months ago”.

The Hammond and May motorcycles featured in Bonhams Stafford Sale are:

The property of James May:

Lot 326: 1974 Yamaha 49cc FS1-E –£2,000-2,400

Lot 327: 1976 Suzuki AP50 E –£2,000-2,400

Lot 328: 1980 Ossa 250cc MAR Trials Motorcycle –£1,200-1,500

Lot 329: 1979 Suzuki TS250 –£800-1,200

Lot 330: 1973 Honda CD175 –£1,400-1,800

Lot 331: 1975 Honda CB200 –£1,500-1,800

Lot 332: 1971 Kawasaki 250cc A1 Samurai –£5,000-6,000

Lot 333: 2010 Yamaha SR400 ‘Grievous Angel’ by Deus Ex Machina –£8,000-12,000

 

The property of Richard Hammond:

Lot 334: 1977 Honda GL1000 Gold Wing – £4,000-6,000

Lot 335: 2010 Norton Commando 961SE – £14,500-18,500

Lot 336: 1970 Triton 500cc ‘Café Racer’ – £6,500-8,500

Lot 337: 1975 Yamaha 49cc FS1-E – £2,500-3,500

 

Bonhams Spring Stafford Sale takes place at the International Classic MotorCycle Show, Staffordshire County Showground on 26 April, 2015. Viewing 10:00-17:00 Saturday 25 April. For further information and a full lot listing visit:  www.bonhams.com/22720

 

www.meridianae.com – info@meridianae.com

www.oredelmondo.com – info@oredelmondo.com

Kenny Roberts: un marziano americano in Europa

Siamo sul finire degli anni settanta, nel 1974 precisamente, in Olanda un giovane pilota americano scende in pista nella classe 250 fortemente raccomandato dalla Yamaha. Dicono vada fortissimo negli USA su quelle mostruose moto due tempi che corrono sugli ovali sterrati senza freni, “il ragazzo va forte come il vento”, dicono i giapponesi. “Ok mettiamogli a disposizione una wild card, come si chiama?…”, si chiama Kenny Roberts. Pronti, partenza, via: arriva terzo.

Da quel momento in avanti il suo nome non è stato più dimenticato. Pochi anni dopo, nel 1978, vinceva il suo primo mondiale nella 500 seguito da altri due nel ’79 e ’80. Ma che razza di fenomeno è questo? Nasceva a quei tempi un nuovo modo di guidare, inventato da Jarno Saarinen. Uno stile eccentrico con tutto il corpo fuori dalla moto a fare da contrappeso verso il centro della curva e il ginocchio a sfiorare la pista. Purtroppo il finlandese morì nel ’73 con Pasolini a Monza nell’anno che tutti ricordano come horribilis per il motociclismo, ma l’eredità di Jarno e Paso scivolò in mano al giovane Kenny che non se la lasciò sfuggire e aprì la grande stagione del motociclismo moderno.

Le moto da 4 passarono a 2 tempi, piccoli missili giapponesi a due ruote. Moto quasi inguidabili grazie ad una erogazione che il 2 tempi rendeva ingestibile. Una coppia motore racchiusa in una manciata di giri che selezionava i piloti con la grazia di una mannaia. Terminò la grande stagione della MV Agusta e del grande Giacomo Agostini che passò alla Yamaha due tempi un attimo prima dell’arrivo di Kenny per poi chiudere la sua carriera unica. Da Kenny in poi le corse degli anni ’80 sfornarono campioni marcati USA uno dietro l’altro: Spencer, Lawson, Rainey, Mamola, Schwantz solo per citarne alcuni. Erano tempi in cui le moto si chiamavano solo Yamaha, Honda e Suzuki e i piloti erano pazzi scriteriati ma affascinanti come eroi. Oggi le cose sono molto cambiate e le moto ancora di più; si guidano molto meglio e sono 4 tempi. Hanno il doppio dei cavalli ma sono docili e ben ammaestrati, inoltre l’elettronica la fa da padrone e gestisce ogni cosa. Mancano molto però quei tempi e i loro miti. Se per quei piloti di una volta non possiamo che sfogliare gli album o il web, per le moto la cosa è diversa. Puoi andare a caccia del mito e rivivere quella emozione. Puoi salire sulla Yamaha RD500LC Kenny Roberts replica del 1984 e immergerti in quegli anni. Questa è la moto che fece più parlare di sé nel 1984 e che concluse quest’era romantica. Quasi un azzardo, una scommessa che celebrava anche il ritiro del campione americano avvenuto proprio in quell’anno. Bene, la scommessa fu vinta e da allora questa moto e le successive concorrenti Suzuki RGV Gamma 500 e Honda NS400 sono entrate nel mito.